ASSEGNO DI SEPARAZIONE, ONERE DELLA PROVA

Nella separazione, ai fini dell’assegno, se è vero che opera ancora il criterio del tenore di vita è altrettanto vero che il richiedente deve dimostrare i requisiti che lo legittimano

La sentenza della Cassazione civile sez. VI – 1 Ord., 20 marzo 2018, n. 6886:

Infondata è la doglianza exart. 2697 c.c.di erronea applicazione della regola di giudizio fondata sull’onere della prova. Se è vero che nella separazione personale i “redditi adeguati” cui va rapportato, ai sensidell’art. 156 c.c. l’assegno di mantenimento a favore del coniuge sono quelli necessari a mantenere il tenore di vita goduto in costanza di matrimonio, è anche vero che la prova della ricorrenza dei presupposti dell’assegno incombe su chi chiede il mantenimento e che tale prova ha ad oggetto anche l’incolpevolezza del coniuge richiedente, quando sia accertato in fatto che, pur potendo, esso non si sia attivato doverosamente per reperire un’occupazione lavorativa retribuita confacente alle sue attitudini, con l’effetto di non poter porre a carico dell’altro coniuge le conseguenze della mancata conservazione del tenore di vita matrimoniale.

Continua a leggere

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *